Siamo venuti da lontano…

Nel cimitero di Recanati, lassù in alto, la lapide di un caduto in guerra, “Giuseppe Genga eroicamente caduto per la difesa della patria sul fronte greco-albanese” nel 1943.

DSCN7887

Un epitaffio anche troppo consueto, dato che di guerre e quindi di morti ne abbiamo avuti. (Che poi davvero la nostra patria doveva essere difesa sul fronte greco-albanese? E da cosa?)

Dunque un epitaffio abbastanza ovvio, purtroppo, ma a guardare bene ci sono  due scritte a matita, con caratteri da scuola elementare di un tempo, con le maiuscole ornate da riccioli, che raccontano di più.

 La prima scritta ricorda la prima volta che sono venuti a trovarlo nel 1980 da lontano, dall’Argentina, i suoi fratelli-cugini, Lina e Alfredo. Lo hanno lasciato scritto, come se fosse sul libro su cui si firma a certi funerali.  Sono i suoi fratelli cugini che è un grado di parentela che forse non esiste altrove, ma nelle campagne marchigiane e anche romagnole di un tempo era molto usato: cugini diremmo noi, ma stretti, come fratelli. Vivono lontano ma quando possono tornano e lo vengono a trovare, come si fa con i parenti amati e non dimenticati.

Schermata 2019-05-24 alle 07.51.46

E scrivono ancora, 13 anni dopo,  “Peppino, siamo noi Lina e Alfredo che siamo venuti a trovarti nella tua Gloria. 3-11-1993 Argentina” . Nella tua Gloria… lo chiamano con tenerezza Peppino e però sanno che lui è stato un eroe, morto ma un eroe… .

Ogni tanto ne trovo nei cimiteri delle nostre campagne di queste scritte a matita sulle lapidi che ricordano la visita di un parente, un familiare, che lasciano un ricordo, una firma, un pensiero, una data che dureranno certo di più dei fiori che comunque di sicuro hanno portato.

Queste scritte mi commuovono sempre perché segnano la lapide di chi non ha più nessuno vicino che lo venga a salutare spesso, che porti un fiore, che dia una ripulita e dica una preghiera. E infatti anche Lina e Alfredo dal 1993 non sono più tornati. Anche loro dormono probabilmente, ma in Argentina.

Siamo venuti da lontano…ultima modifica: 2019-05-24T08:46:16+02:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *