“… una nuova migliore umanità”

Se dovesse servire una testimonianza ulteriore della emigrazione a cui il bisogno ha costretto la nostra gente…

Quasi in ogni cimitero fra le lapidi più antiche se ne trovano che non indicano una sepoltura, ma ricordano qualcuno che, emigrato e vissuto lontano, là è restato per sempre.

Sono lapidi commoventi, pietre che offrono al ricordo un nome, due date, qualche parola, facendo vivere un rimpianto duraturo e inconsolabile.

Molte, tante, troppe sono addirittura firmate da “amici” a testimonianza della povertà della famiglia che non poteva neppure permettersi la spesa di una lapide e queste sono per me nello stesso tempo motivo di tristezza e di consolazione.

La tristezza non ha bisogno di spiegazioni.

La consolazione: quanto mi sorprende e mi scalda il cuore quell’ amicizia profonda e solida che nemmeno la lontananza ha potuto sopire, che è arrivata a tradursi in gesto concreto, in solidarietà tangibile fra gente che certo non nuotava nell’oro!

Spesso  è l’idea anarchica la sorgente di questa amicizia, quando l’Idea (maiuscola come la pensavano loro) si identificava con la vita e la fratellanza era vissuta concretamente, nel quotidiano come solidarietà. E anche mi commuove la speranza in una “nuova migliore umanità”, speranza che purtroppo nel frattempo abbiamo forse definitivamente perduto

Feri Manaus

La lapide ormai quasi cancellata, sul muro di recinzione a Santarcangelo di Romagna,  recita:

FERRI QUARTO
per sé e per la famiglia
costretto
a chiedere pane all’America
morì di febbre gialla a Manaos
il 20 Aprile 1900
GLI AMICI

Schermata 2018-09-08 alle 08.11.32

“In memoria di PIETRO PANTOLINI nato a Sirolo il 13-10-1868 / Morto a Buenos Aires il 1° aprile 1910

Gli amici di Sirolo e di Buenos Aires / questo ricordo posero perché / dall’imperituro pensiero dell’estinto / di tutti gli amati compagni / morti per la necessità della vita /  lontano dalla patria e dalle famiglie / venissero tratti gli auspici / della nuova migliore umanità”

Sul muro di recinzione del cimitero di Sirolo, di fronte al mare.

una vita sventurata…

3710954048

Spesso le lapidi antiche raccontano molto e anche più spesso offrono la possibilità di capire o almeno immaginare tante cose non dette. 

Così per esempio a Camerino  un monumento funebre piuttosto elegante e antico, della fine dell‘800.  Sulla faccia principale, dedicata alla “cara memoria”, c’é  un elogio  al capostipite, Wincislao Piccinini, dalla moglie e dai figli, tutti chiamati per nome: è il marzo 1893.

Di lato una lapide più scarna, a Lorenzo Piccinini, uno dei figli nominati di là, che   “chiuse / la vita breve / e sventurata / il 22 febbraio 1919”

Niente rimpianto, niente nomi… un figlio degenere? Un suicida?

Ecco perché mi piace leggere le lapidi antiche: sono ricche di notizie, di memoria e spesso anche di mistero

oh delle cose umane instabile sorte!

idillio di tua vita copia

I nomi, vecchissimo stile – lui Getulio e lei Cesira – ci dicono di quanto questa lapide sia antica, ma purtroppo la vicenda che racconta è attualissima anzi forse eterna.

Ecco il breve e straziante racconto : “L’idillio della tua vita / si mutò ben presto in desolante elegia / avvenenza delle forme sorrisi speranze / tutto in un istante travolse la morte./ ”

Dopo questa descrizione di una vita giovane e promettente troncata in modo drammatico (un incidente? Un suicidio?) che altro poteva dire  il “desolato suo sposo Getulio ” se non esclamare

“Oh delle cose umane instabile sorte”