dormono vicini a Montone

Nel cimitero di Montone, in Umbria, a pochi metri di distanza le lapidi di tre uomini vissuti e morti in tempi lontani fra loro, ma ancora di più lontani nelle idee che hanno guidato la loro vita : il garibaldino, il repubblicano, il fascista

GaribaldinoGaribaldino1070914_3344L’epitaffio dice:

spoglie mortali di  GIUSEPPE POLIDORI
ufficiale di Garibaldi
a lui che nel 1864 perdette nella vicina Tiferno
la giovin vita – logorata ma coperta di gloria immortale
nella campagna del 1859
e nell’epica lotta dei mille
per volontà di popolo nel 40° di sua morte    1904

 

 

E di questo garibaldino Montone è davvero fiera infatti lo ricorda anche in paese, con una bella targa sopra una porta della cinta muraria.

 

070914_3325

 

 

 

 

La lapide del repubblicano è piccola, modesta, sul muro di una cappella comune

e dice:
Raffaele Tegami
cittadino onesto
perdonò i suoi usurpatori
fermo nel suo principio
di repubblicano
morì 3 ottobr 1911

 

 

mazzinianoQuella del fascista è difficile da leggere, quasi cancellata

Giovanni Battista Reali070914_3340
che la vita ebbe soltanto come sacrificio
fu fante nella grande guerra
e per tre volte fu ferito
fu primo fra i fascisti di Montone
nell’azioni più pericolose
pagò col sangue il prestigio del suo buon nome

 

saldo nei suoi ideali : il congiurato

Ancora capita di trovarsi davanti a epitaffi che parlano di eventi che consideriamo storia e nemmeno recente. Questo, nel cimitero di Camerino, ci ricorda le guerre di indipendenza, nientemeno!

il congiurato copia.JPG

 

per
ANGELO POGGI
che nella sua giovane età
congiurò per la salute d’Italia
e sdegnando facili difese
soffrì innocente lunga prigionia
saldo nei suoi ideali
tranquillo in modico stato
morì di 83 anni
il 18 maggio 1901
tributo di filiale affetto
del ten. colonnello Socrate Poggi

 

Facendo un po’ di conti, era nato nel 1818 e aveva trent’anni in quel 1848 che è stato definito la primavera dei popoli.

La cosa che più mi colpisce è che qui, all’inizio del ‘900 si definisce congiurare il combattere “per la salute dell’Italia” : decisamente le parole a volte cambiano di significato in modo totale.

Saldo nei suoi ideali

tranquillo in modico stato

Che bella sintesi di una vita spesa bene!

I politici: mazziniani d’epoca

CORRADO BATTAGLIA
Anima forte e generosa
ardente di fede mazziniana,
volontario cinquantenne
nella guerra di redenzione
visse e chiuse i suoi giorni
amando e beneficando

Uno che le sue battaglie le ha fatte, che non si vergogna di dichiarare una fede  e che anzichè vivere sfruttando la politica ha testimoniato la sua fede ardente mazziniana amando e beneficando.

Altri tempi?il mazziniano.jpg