una famiglia di donne “virili”

A volte si incontrano tombe in cui in uno spazio raccolto si raccontano le storie di una famiglia, come questa, della famiglia “patrizia” dei Cavallini. Comincia con un sacerdote e una “zitella” che condusse vita nubile e pia. Siamo ancora nell’800.

vita nubile.JPG

animo virile.JPGe poi Amalia Cavallini, sposata Vecchiarelli, l’ultima della famiglia “patrizia” che dimostra coraggio e forza d’animo tali…da sembrare un uomo! E infatti “con animo virile” fece fronte all’avversa fortuna… Insomma per riconoscere il merito di una donna… le si dà dell’uomo!

Intanto siamo nel primo novecento, con il Generale d’armata che “bonum certamen…”

E dopo?

Caterina Vecchiarelli nata Tranquilli… seconda moglie del generale? E comunque “fu luce e bontà per tutti” e di lei nient’altro

L’ultima Rosabianca Vecchiarelli “ingegnere” !!!! morta da poco, a 95 anni: diventò probabilmente INGEGNERE negli anni ’30.

Davvero la vena “virile” in questa famiglia era ereditaria.

una storia di generosità

Come ripeto anche troppo spesso leggendo gli epitaffi più vecchi si riesce a sapere qualcosa della vita delle persone che sono state. In questa tomba, per esempio, in poche lapidi si può immaginare con buona approssimazione la storia di due persone.

il padrone copiaCopier.jpeg

Dunque nel 1889 Domenico Maggi fa costruire per sè e per la sua famiglia questa tomba nella quale compone poi le spoglie della madre e del padre.

il padrone copia 2.JPG

Nel 1925, a 84 anni Domenico Maggi muore e lascia i propri beni a Laura Orioli. Cosa é accaduto? Evidentemente Domenico non si é fatto una famiglia, non ha figli e lascia i suoi beni a Laura, che si definisce erede, ma che chiama lui IL SUO PADRONE. Era il modo in cui le domestiche allora si riferivano al datore di lavoro, ma – anche se era un modo di dire usuale – fa un certo effetto per l’umiliazione implicita e per la grande modestia che ha portato Laura a farlo addirittura scolpire qui.  E dopo? Ecco:

il padrone copia.JPGLaura Orioli non si sposa, passa la vita a fare beneficenza tanto che, alla sua morte a 64 anni nel 1944 le dedicano questo epitaffio in cui la definiscono “insigne benefattrice dell’asilo infantile”.

I soldi di Domenico Maggi sono stati destinati alla persona giusta che dopo averli ricevuti con un atto di generosità li ha usati per aiutare generosamente l’asilo infantile…

Una bella storia che si può ancora leggere perchè la tomba é “in perpetuo” cioè non può essere destinata ad altri.

scritto due volte: la lapide sbagliata

59314487-1

Nel cimitero di Fossato di Vico hanno opportunamente messo da parte senza distruggerle le lapidi antiche che non stanno più a segnare una tomba e in questo piccolo deposito non ho potuto fare a meno di curiosare. Per fortuna dato che ho trovato una lapide che mi è parsa straordinaria, questa:

2760374375

il testo dice:  Il 2. FEB FATTO..  EVARISTO TONI FABRO FERRAIO / A GIOVANI INTEMPINEFO (?in tempi nefasti?) / RARO ESEMPIO / DI SOAVI E MITI COSTUMI / A TUTTI / DI CRIStIANA PAZIENZA   / NEI LUNGHI MALORI MORI DE /  MORTE DEL GIUSTO MORÌ / DI ANNI 25   /          CON PIANTO INCOZOLABilE DE GENITORI E TUTTA / LA FAMIGLIA PREGA / PER I DIFONTI  (defunti?)TONI. (le lettere in corsivo sono le mie ipotesi )

Il carattere è bello anche se un po’ irregolare, ma certo lo scalpellino (oppure chi gli aveva dettato il testo) non era molto in confidenza con la lingua italiana e con la scrittura in generale.  Infatti li per lì si fa persino fatica a capire cosa dice, intanto perché ci sono parole attaccate insieme, senza spaziatura. Ci sono le elle che vengono scritte in minuscolo e sembrano degli uno, c’è una T saltata nella parola cristianamente e che è aggiunta sopra, ci sono degli svarioni come “fabro” “incozolabile” “difonti” e poi gli accapo sono a…caso, secondo la larghezza della lastra… e poi si sa giorno e mese della morte, ma in che anno? Dimenticato!

Insomma mi pareva già così molto interessante poi l’ho guardata dietro e ho scoperto che era stata riscritta, questa volta da qualcuno che sapeva meglio l’italiano, infatti dice :

1315955562

SIA PACE ALL’ANIMA / DI EVARISTO TONI / IL QUALE / DOPO LUNGA E PENOSA MALATTIA / MORÌ IL 24 FEBBRAIO 1888 / ALL’ETÀ DI ANNI 25 / QUI / LUIGI SUO PADRE / E TUTTA LA FAMIGLIA / DOLENTISSIMI POSERO

Anche il senso è un po’ cambiato, le notizie sono quelle, ma lo stile è banale e scontato, c’è persino la frase fatta “dopo lunga e penosa malattia” .  Insomma mi piaceva di più quella sbagliata!