vengono dal 1800… forse non dureranno

sfacelo.JPG

DSCN3807 copiaCopier.jpeg

Ad Arezzo c’è una collina coperta di tombe che racchiude anche un cuore antico, il cimitero monumentale , forse il più antico che ho visitato fino adesso, due esedre che racchiudono (racchiudevano?) tombe del 1800. Certo, lapidi di famiglie facoltose che potevano permettersi di pagare un marmo, uno scultore e di sicuro un lapicida, uno che incidesse il testo.

Sono straordinariamente verbose queste lapidi, raccontano tanto, declamano, pregano, illustrano… sembrano timorosi che il ricordo del defunto svanisca come  “lacrime nella pioggia”…

Peccato che stia crollando. Le transenne (che ho scansato per riuscire a leggere i testi) tengono lontani i possibili visitatori perché le lapidi cominciano a crollare. Quanti nomi, affetti, fasti, onori sparirebbero così.

Spero che il comune di Arezzo città colta e civile faccia in tempo a salvare quella che soprattutto é la sua storia.