dormono sull’isoletta di Levanzo

 

cimitero marino*

 

 

A Levanzo, nelle Egadi, c’è un piccolo cimitero che è speciale perché non appartiene al Comune come tutti gli altri, ma è stato donato alla popolazione da un benefattore che pur non essendo levanzaro amava così tanto l’isola da venirci a vivere per poi restarci nella tomba, fra la gratitudine della popolazione.

 

da fuori*

Qui lo spazio è poco e così appena in fondo alla strada del paese si gira l’angolo ed eccolo abbarbicato alla roccia, davanti all’acqua cristallina di Cala Fredda; un piccolo atrio, una panchina, una scala, un arco portano ai gradoni dove le lapidi e le tombe si accavallano, sempre a risparmiare lo spazio.

Il mare in un’isola è ovviamente presente in ogni momento della vita e anche della morte, scintilla sopra al muro, spunta sopra le lapidi e i cipressi,

+ barche*DSCN5243E ancora il mare è presente spesso negli epitaffi di quelli che nel mare hanno lasciato la vita, come il cinese, lo sconosciuto, i cannonieri affondati…

Allo sconosciuto:

Qui riposa in pace
la vittima della barbarie teutonica
il poveretto e ignoto
di nazionalità francese
tenente all’equipaggio del piroscafo
Fournier messaggerie
partito da Marsiglia il 18-6-1917
silurato nell’azzurro mare della costa ligure
Le misere spoglie furono raccolte a questa deriva
dopo un mese dalla violenta morte
il 12-7-1917.

Al cinese Yon Gee:

nato ad Hong Kong (cantone cinese) l’anno 1884 vittima della vile rappresaglia teutonica il poveretto era fuochista a bordo del piroscafo inglese Calliope silurato il 10-4-1917 nel mare di San Vito lo Capo e venuto a questa deriva il 13-4-1917

Ma anche nelle metafore il mare è presente, anzi: il faro era il faro*il faro

graffito*E gli amici ricordano l’amico con un graffito…

 

 

 

dormono sull’isoletta di Levanzoultima modifica: 2014-08-16T12:14:13+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*