un mistero sulle rive del Nera

Una splendida lastra di travertino incisa con caratteri di grande eleganza e solo un cespuglio sempreverde a ornamento per una delle lapidi più intriganti e poetiche.
Oltre che bella questa lapide è unica anche per un’altra caratteristica.
Non ci sono date, non ci sono nomi né luoghi né imprese, né titoli, né niente, non si sa neppure se chi è morto è un lui o una lei, né se l’autore sia chi è rimasto o chi se ne è andato…
L’unica cosa che si sa è che si amavano
la lastra0787 copiaCopier.jpeg
E se io parto
mentre tu rimani
sappi che continuerò
a vivere vibrando
a un ritmo diverso
dietro a un velo
che il tuo sguardo
non potrà penetrare.
Non mi vedrai
e allora dovrai aver fede
aspetterò il giorno
 in cui potremo di nuovo
librarci in volo insieme
ognuno di noi due
conscio della presenza dell’altro.
Fino ad allora
vivi la tua vita
nella pienezza
e quando hai bisogno di me
sussurra il mio nome
nel tuo cuore…
e io sarò con te.

 

Scopro adesso, grazie all’ amico Leopiero di tracce minime, che il testo è la poesia Ascensione di Coleen Hitcook. Gliene sono grata, sulla lapide non c’era citazione o è nascosta dai cespugli

un mistero sulle rive del Neraultima modifica: 2013-08-02T14:47:00+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*