in fondo alla valle…

DSCN5998Le Marche interne sono densamente attraversate da innumerevoli valli sempre più strette, sempre più verdi, sempre più nascoste. Imbocchi una strada e ad un certo punto devi tornare sui tuoi passi perché per proseguire dovresti inerpicarti su per i monti e non sei attrezzato. La valle dove si trovano Laverino e poi Laverinello è una di queste pieghe del paesaggio; qui vicino ci sono le sorgenti del fiume Potenza e c’è un gran silenzio e boschi. Al bivio con la strada “principale” un cimiterino fiorito e delle lapidi con messaggi molto belli, testimonianze di una umanità civile e diversa…

DSCN5991

Edoardo che non ha nemmeno un cognome, ma lo ricordano per il suo amore per “questo luogo e per la sua gente”,DSCN5993

Franchino che giocava alla ruzzola,

DSCN5990

Leone tanto amato e poi, all’ingresso, il ricordo di tutti quelli, tanti, che da qui se ne sono andati, che “hanno lasciato queste valli e riposano altrove”.

altrove-e1419233875684

L’emigrazione ha colpito duramente in questi luoghi difficili e poveri, ma la gente di qui non dimentica nessuno, dovunque riposi

 

dormono al di là del muro

Schermata 01-2457778 alle 11.50.53 copiaQuesta  foto non è mia, è stata presa in un cimitero olandese anzi in due…
Da una parte c’è il cimitero cattolico dove è sepolta una donna e dall’altra un cimitero protestante dove è sepolto suo marito…
Commentava chi l’ha postata: non sono le religioni a dividere gli uomini, ma gli uomini.
Trovo che sia verissimo e quelle mani che si cercano al di sopra e al di là del muro e persino al di là della vita sono davvero emblematiche